14-02-2005 - Buenos Aires
...l'altra Buenos Aires, considerazioni finali

Ciao a tutti, tra poco partirÓ il volo che ci riporterÓ in Italia. Abbiamo passato tre giorni a Buenos Aires veramente intensi e calcolando che dormivamo 3 ore a notte e le restanti 21 ore stavamo in giro, Ŕ come se ci fossimo stati il doppio del tempo. Veramente emozionante il calore con cui ci hanno accolto i parenti di Fabio,  italiani immigrati ormai pi¨ di 40 anni fa, ma sempre con l'Italia al cuore.
In questi giorni abbiamo visto l'altra Buenos Aires, non quella impacchettata e confezionata con i fiocchi per far piacere ai turisti, ma quella autentica, fatta di strade scassate, persone che parlano in ogni angolo, storie di immigrati, birra e locali fumosi e pieni di gente.
 La nostra guida, Alfredo, cugino di Fabio, Ŕ una persona magnifica e con un certo carisma nel suo quartiere, cresciuto fra le strade della provincia di Buenos Aires e conosciuto da tutti.
Ci ha portato, quasi tenendoci per mano, in mezzo alla gente comune, chiacchierando in ogni angolo, spiegandoci nei minimi particolari ogni cosa. Questo giro Ŕ culminato con il nostro ingresso nella tifoseria del Boca delle tribune popolari, nel mitico stadio della Bombonera, per vedere la prima di campionato: un'emozione inenarrabile!!!!
Dopo un mese di viaggio Ŕ arrivato il momento del ritorno. Un mese in questa stupenda terra Ŕ stato troppo poco, il tempo Ŕ volato e qui non ti stanchi mai di viaggiare.
Un saluto a tutti quelli che ci hanno seguito fino adesso.
Sandro, Massimo, Fabio e Ramon

 





Torna al diario
 

Patagonia: Home

 

[Viaggi][Le foto:index][Istantanee][Consigli dei viaggiatori][Home]